domenica 11 febbraio 2018

Napoleon's obsession for coffee.




“As soon as coffee is in your stomach, there is a general 
commotion. 
Ideas begin to move… smiles arise, the paper is 
covered. 
Coffee is your ally and writing ceases to be a 
struggle.”

Honoré de Balzac (1799 - 1850)




Napoleon's Coffee Set from St.Helena




And they were precisely the French and the Americans, even before than the English, who could taste the precious drink obtained from the 'beans' grown in the tropical colonies - and fall in love with it - perhaps as a result due to where their respective nations had placed their colonial possessions; we know, in fact, that the Georgian period saw the opening of the first coffee-houses in London, following the example of the much older Viennese ones, which were locals reserved for men only, in which the wealthy gentlemen gathered to spend time in company, exchanging their ideas while sipping a cup of the precious brew, we know that in the Regency era were really numerous the coffee-houses that had been opened in the meantime when tea was still a novelty, and much more expensive than coffee, but we also know that in France and in America coffee was known and appreciated by famous people since the early XVIIIth century: from the Parisian philosopher Voltaire, who claimed to owe his own intuitions to the benefits of coffee, of which he drank from 40 to 50 cups a day, mixed with chocolate, to King Louis XV, who had managed to grow coffee plants directly in the greenhouses of Versailles and loved to offer it to his guests, but didn't abuse it; to Benjamin Franklin, who claimed that "Among the many luxuries of the table ... coffee can be considered one of the most precious, it exalts the happiness without poisoning and the pleasant flow of spirits it causes ... it is never followed by sadness, languor or weakness ", to the third president of the United States, as well as author of the Declaration of Independence, Thomas Jefferson, lover of wine, but not only, connoisseur and passionate coffee drinker.

We know today that coffee allows us vivacity, both intellectual and physical, and promptness of reflexes, which is a precious source of antioxidants and therefore has the power to reduce the risk of contracting some serious diseases, including those due to brain deterioration, things that at the time were ignored, but of coffee was appreciated the immediate induction of the increase in blood pressure and therefore the tone and the sensation of well-being that it immediately derives from it.

The Emperor of the French, Napoleon Bonaparte, knew it well, and it is just of him that I want to tell you today.


Napoleon in his dining room at Longwood House, St.Helena



History teaches us that He did not become passionate about coffee as soon as he knew it, indeed, as soon as He tasted it he found it not at all captivating, but with the passing of the time He became an authentic lover, or, perhaps, it would be more appropriate to say, a real coffee - dependent.

At first He began drinking two cups of bitter and pure coffee a day, one for breakfast and one after dinner, in the evening, but, with the flowing of years, aware of the beneficial aspects of this drink that had the ability to invigorate His spirits, keep Him in good mood and always active, He began to not to able to live without it - and there are those who still today claims that His heroic undertakings could not have been achieved without the support of caffeine!

Coffee became one of the many things He could not do without ... He refrained from drinking wine and any other alcoholic beverage, but He had a genuine passion for politics, for war, for beautiful women and for coffee - and he arrived to drink up to 50 cups at any time of day.

One of the most famous stories related to Napoleon's weakness for coffee is linked to his last days. According to the St.Helena Coffee website:

''A few days before the end, Marechal Bertrand recorded that Napoleon kept begging for coffee and that his new 'doctor', Antonmarchi (he was, in fact, a dissecting room assistant), allowed him a few spoonful’s. Then, as the Emperor declined further, Bertrand writes:

That morning, he had asked twenty times if he could be allowed some coffee. 'No, Sire', 'Might the doctors allow me just a spoonful?' 'No, Sire, not at the moment, your stomach is too irritated, you would vomit a little earlier, perhaps.' He had already vomited perhaps nine times during the day. What a great change had overtaken him! Tears came to my eyes, seeing this formidable man, who had commanded with such authority, in a manner so absolute, beg for a spoonful of coffee, seek permission, obedient as a child, asking again and again for permission and not obtaining it, without ever losing his temper. At other times during his illness, he would have thrown his doctors out, flouted their advice and done as he wanted. Now he was as docile as a child. So, here is the great Napoleon: pitiful, humble.''


Death of Napoleon on St Helena, May 5, 1821, by Carl von Steuben (1788-1856), ca 1828



We still do ignore what the real causes that induced His stomach disease were, if His death was due to arsenic poisoning or cancer, the fact is that during the autopsy that was done after His death Dr. Antonmarchi found traces of coffee in his stomach ... because you have to know that once exiled to St.Helena, Napoleon found an excellent coffee, which induced him to aggravate his dependence ... the state of constant depression in which He spent the days of His last exile, the boredom that often caught Him, the bitterness for the fate that had been touched Him, sanctioned by the Congress of Vienna that had eventually deposed him to put on the French throne King Louis XV, without any doubt induced Him to exaggerate with the coffee more than how much He was used to do.

Although Napoleon preferred the coffee of St. Helena to all the others, as it was the only thing good, he claimed, that the island offered Him (an excellent quality of Arabica coffee had in fact been cultivated in plantations by the East India Company that of the island held possession since 1733), He was willing to drink whatever coffee was available. For example, just when he was spending His days at Longwood House,


Nhà Longwood (Unknown author)



Sir Hudson Lowe, governor of the island and jailer of Napoleon, gave Him as a gift a wooden case filled with coffee that the Emperor ordered had to be placed in the pantry. Charles Tristan, better known as the Marquis Montholon, thought that Napoleon wouldn't have accepted it and was amazed when the Emperor began by saying "A good coffee is a precious thing in this horrible place" and decided to drink it without fear that it might have been poisoned.

Finally I will mention a sentence that Napoleon once said: " The strong and abundant coffee wakes me in.It gives me a warmth, an unusual strength, a pain that is not without pleasure. I would suffer rather than be senseless."
And I wonder if what was the reason for His glory was also the cause of His suffering and eventually His death ...


INTERIOR [A VIEW OF THE ROOM AT LONGWOOD WHERE NAPOLEON DIED ON ST. HELENA] - 
Attributed to Jean-François Villain after a drawing by Louis-Joseph-Narcisse Marchand




I'll never be grateful enough for the interest and affection which you follow me with, 
dear friends and readers, 
I have no words to thank you as you deserve ...



See you soon 💕












BIBLIOGRAPHIC SOURCES:


Barden, Thomas M., Humanizing the Corsican Ogre, at State University of New York at Geneseo; 

Forsyth, William, and Hudson Lowe, History of the Captivity of Napoleon at St. Helena, Volume 2,  1853; 

Saint-Arroman, Auguste, Coffee, Tea and Chocolate, 1852;

Smallman, David L., Quincentenary: A Story of St Helena, 1502-2002, 2003;

Ukers, William Harrison, All About Coffee, 1922.

Website St.Helena Coffee











“Non appena il caffè è nel vostro stomaco, vi è una generale 

commozione. 
Le idee cominciano a muoversi… spuntano i sorrisi e la carta 

 si copre. 
Il caffè è il vostro unico alleato e scrivere cessa di essere uno 

sforzo.


Honoré de Balzac (1799 - 1850)




- immagine 1 - Servizio da caffè appartenuto a Napoleone conservato a St.Helena





E furono proprio i Francesi e gli Americani, prima ancora degli Inglesi, a poter gustare la preziosa bevanda ottenuta dai 'chicchi' coltivati nelle colonie tropicali - e ad innamorarsene - forse di conseguenza a dove le rispettive nazioni avevano collocati i loro possedimenti coloniali; sappiamo infatti che il periodo Georgiano vide aprire le prime coffee-houses a Londra, sull'esempio di quelle viennesi, ben più antiche, che erano locali riservati a soli uomini, in cui i gentlemen più facoltosi si riunivano per trascorrere il tempo in compagnia, scambiando le proprie idee mentre sorseggiavano una tazzina del preziosissimo infuso, che in epoca Regency erano realmente numerose le coffee-houses che nel frattempo erano state aperte quando il tè era ancora una novità, e del caffè ben più costoso, ma sappiamo anche che in Francia ed in America il caffè era conosciuto ed apprezzato da personaggi famosi già dagli inizi del XVIII°secolo: dal filosofo parigino Voltaire, il quale sosteneva di dovere le proprie intuizioni proprio ai benefici del caffè, del quale ne beveva da 40 a 50 tazzine il giorno, mischiato con il cioccolato, a Re Luigi XV, il quale era riuscito a coltivare piante di caffè direttamente nelle serre di Versailles ed amava offrirlo ai propri ospiti, senza però abusarne; da Benjamin Franklin, il quale sosteneva che "Tra i numerosi lussi della tavola ... il caffè può essere considerato uno dei più preziosi. Esalta l'allegria senza intossicare ed il piacevole flusso di spiriti che provoca ... non è mai seguito da tristezza, languore o debolezza", al terzo presidente degli Stati Uniti, nonché autore della Dichiarazione d'Indipendenza, Thomas Jefferson, amante del vino, ma non solo, conoscitore ed appassionato bevitore di caffè.

Sappiamo oggi che il caffè ci consente vivacità, sia intellettuale che fisica e prontezza di riflessi, che è una preziosa fonte di antiossidanti e che perciò ha il potere di ridurre il rischio di contrarre alcune malattie anche gravi, incluse quelle dovute al deterioramento cerebrale, cose che al tempo si ignoravano, ma del caffè si apprezzava l'immediata induzione dell'aumento della pressione sanguigna e perciò il tono e la sensazione immediata di benessere che da esso subito deriva.

Lo sapeva bene anche l'Imperatore dei Francesi, Napoleone Buonaparte, ed è proprio di lui che oggi voglio raccontarvi.




- immagine 2 - Napoleone nella sua sala da pranzo a Longwood House - St.Helena




La Storia ci insegna che Egli non si appassionò nell'immediato del caffè, anzi, non appena lo assaggiò non lo trovò per nulla accattivante, ma con il tempo ne divenne un autentico amatore, o, forse, sarebbe più appropriato dire, un vero e proprio caffè - dipendente.
Dapprincipio cominciò con il bere due tazzine di caffè amaro e puro il giorno, una a colazione ed una dopo cena, la sera, ma con il tempo, accortosi degli aspetti benefici di questa bevanda che aveva la capacità di rinvigorire il suo spirito, mantenerlo di buonumore e sempre attivo, cominciò con il non poterne più fare a meno - e vi è chi ancora oggi sostiene che le sue grandi imprese non avrebbero potuto essere realizzate senza il sostegno della caffeina!

Il caffè divenne così una delle tante cose di cui non poteva fare a meno ... si asteneva dal bere vino e qualsiasi altra bevanda alcolica, ma aveva un'autentica passione per la politica, per il fare la guerra, per le belle donne e per il caffè, del quale giunse a bere fino a 50 tazzine ad ogni ora del giorno.


Una delle storie più famose legate alla debolezza di Napoleone per il caffè è legata ai suoi ultimi giorni. Secondo il sito St.Helena Coffee:

'' Pochi giorni prima della fine, il maresciallo Bertrand registrò che Napoleone cominciò ad elemosinare del caffè al suo nuovo 'dottore', Antonmarchi (in realtà François Carlo Antonmarchi era quello che oggi potremmo definire un anatomo-patologo e seguì Napoleone dal 1818 fino al giorno del suo decesso, il 5 maggio del 1821), il quale gliene concesse qualche cucchiaiata. Poi, mentre l'imperatore si placò, Bertrand scrisse:

Quella mattina, aveva chiesto venti volte se poteva permettersi un caffè. "No, Sire", "Potrebbero i medici permettermi solo un cucchiaio?" "No, Sire, non al momento, il Vostro stomaco è troppo irritato, probabilmente vi farebbe vomitare." Aveva già vomitato forse nove volte durante il giorno. Che grande cambiamento aveva subito! Mi vennero le lacrime agli occhi vedendo questo uomo formidabile, che aveva comandato con una tale autorità, in modo così assoluto, mendicare un cucchiaio di caffè, chiederne l'autorizzazione, obbediente come un bambino, chiede ancora ed ancora il permesso per averlo e non ottenerlo, senza mai perdere la calma. In altri momenti della sua malattia avrebbe buttato fuori dalla stanza i suoi dottori, infastidito dai loro consigli e avrebbe fatto come voleva. Ora era docile come un bambino. Quindi, ecco il grande Napoleone: pietoso, umile."





- immagine 3 - Death of Napoleon on St Helena, May 5, 1821, by Carl von Steuben (1788-1856), ca 1828





Non sappiamo ancora con esattezza quali furono le reali cause che indussero questa sua malattia allo stomaco, se si trattò di avvelenamento da arsenico o di tumore, sta di fatto che eseguita l'autopsia dopo la sua morte il dottor Antonmarchi trovò nel suo stomaco tracce di caffè, ... perché dovete sapere che una volta esiliato a S.Elena, Napoleone vi trovò un ottimo caffè, il che lo indusse ad aggravare la sua dipendenza ... lo stato di costante depressione in cui trascorse i giorni del suo ultimo esilio, la noia che spesso lo coglieva, l'amarezza per il destino che gli era toccato, sancito dal Congresso di Vienna che lo aveva definitivamente deposto per mettere sul trono francese Re Luigi XV, lo indussero senza alcun dubbio ad esagerare con il caffè più di quanto già non fosse uso fare. 

Sebbene Napoleone preferisse il caffè di Sant'Elena a tutti gli altri, in quanto era l'unica cosa, sosteneva, che l'isola di buono gli offriva (un'ottima qualità di caffè arabico era stato infatti coltivato in piantagioni dalla Compagnia delle Indie Orientali che dell'isola deteneva il possesso già con il 1733), era comunque disposto a bere qualunque caffè fosse disponibile. Ad esempio, proprio mentre trascorreva i suoi giorni a Longwood House,




- immagine 4 - Nhà Longwood (Autore sconosciuto)





Sir Hudson Lowe, governatore dell'isola e carceriere di Napoleone, gli elargì come dono una cassa di caffè che l'imperatore fece riporre nella dispensa. Charles Tristan, meglio conosciuto come il Marchese Montholon, pensò che Napoleone non l'avrebbe accettato e si stupì quando l'Imperatore esordì dicendo "Un buon caffè è una cosa preziosa in questo posto orribile". e decise di berlo senza timore che potesse essere stato avvelenato.

Concludo infine citando una frase che Napoleone una volta ebbe a pronunciare: "Il caffè forte e abbondante mi sveglia. Mi dà un calore, una forza insolita, un dolore che non è privo di piacere. Preferirei soffrire piuttosto che essere insensato."


E chissà se ciò che fu motivo della sua gloria non sia anche stato motivo della sua sofferenza ed infine del suo decesso ...




- immagine 5 - INTERIOR [A VIEW OF THE ROOM AT LONGWOOD WHERE NAPOLEON DIED ON ST. HELENA] - Attribuito a Jean-François Villain, su un disegno di Louis-Joseph-Narcisse Marchand




Non vi sarò mai abbastanza grata per l'interesse e l'affetto con cui mi seguite, 
carissimi amici e lettori, 
non ho parole per ringraziarvi come meritate ...


A presto 💕









FONTI BIBLIOGRAFICHE:


Barden, Thomas M., Humanizing the Corsican Ogre, at State University of New York at Geneseo; 

Forsyth, William, and Hudson Lowe, History of the Captivity of Napoleon at St. Helena, Volume 2,  1853; 

Saint-Arroman, Auguste, Coffee, Tea and Chocolate, 1852;

Smallman, David L., Quincentenary: A Story of St Helena, 1502-2002, 2003;

giovedì 1 febbraio 2018

This engine was a monster to Dickens, but it saved countless lives of Londoners.



"What a monster! 
Imagine an enormous see-saw, with a steam engine at one end, and a pump at the other…" 



The GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE



When in April 1850 Charles Dickens fund himself visiting the place called at the time Kew Pumping Station where a huge hydraulic pump, the GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE, had been placed two years before (it was built in 1846 by Sandys, Carne & Vivian of the Copperhouse Foundry of Hayle, in Cornwall and wa the first engine made specifically for the service of the waterworks ) he felt impressed by the enormity of the engine - which is still the largest functioning today -, from the noise that it produced and still not used to see where the technological progress, that was taking its very first steps, was able to lead us, he wrote on the weekly journal that he founded the same year and conducted, named Household Words, in the issue of the 13th, what we're going to read:


THE TROUBLED WATER QUESTION.

My excellent and eloquent friend, Lyttleton, of Pump Court, Temple, barrister-at- aw, disturbed me on a damp morning at the end of last month, to bespeak my company to a meeting at which he intended to hold forth. ‘It is, he said, ‘the Great Water Supply Congress, which assembles to—morrow.’
‘Do you know anything of the subject?’
‘A vast deal both practically and theoretically. Practically, I pay for my little box in the Regent’s Park, twice the rice for water our friend Fielding is chargeed, and both supplies are derived from the same Company.
Yet his is a mansion, mine is a cottage; his rent more than doubles mine in amount, and his family trebles mine in number. So much for the consistency and exactions of an irresponsible monopoly. Practically, again, there are occasions when my cisterns are without water. So much for deficient supply.’
‘ Is your water bad?’
‘Not absolutely unwholesome; but I have drunk better.’


Showing to be well prepared about this topic, Lyttleton began with his speech:


[...] of the 300,000 houses of which London is said to consist, 70,000 are without the great element of suction and cleanliness; I find also that the supply, such as it is, is derived from nine water companies all linked together to form a giant monopoly; and that, in consequence, the charge for water is in some instances excessive; that six of these companies draw their water from the filthy Thames;—and the same number, including those which use the Lea and New River water, have no system of filtration—hence it is unwholesome: that in short, the public of the metropolis are the victims of dear, insufficient and dirty water.


Dickens then suggests to his friend a visit to Kew Bridge, where the Kew Pumping Station was located and where in 1848 the GREAT JUNCTION 90-inch engine was installed which distributes the water monopolized by the above mentioned nine companies.

Reached Kew Bridge,


Dickens shows his friend what was the exact point in which the Grand Junction Waterworks Company drew water, that is from the river bed, but not before filtering it through a wide and dense network located on the mouth of the suction pipe capable of retain all the solid substances that flowed in the waters of the river as the origin of their unhealthy, because even if the purified water is almost completely tasteless on the palate, it is also completely deprived of pathogenic elements, a source of even serious diseases.
In a second time the water, after being sucked, is pumped by the GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE into a 3 acres and 1/2 filtering basin and left to deposit so that even the elements such as sand, earth, clay, drains of gutters, soaps, etc. remain on the bottom and therefore the liquid thus obtained is completely pure and crystalline - and it will be this filtering system, in fact, to prevent the sporadic cases of cholera that at the time were widespread among the population, probably among the less wealthy that couldn't afford running and completely clear water, didn't degenerate into an epidemic.

 [...] our water is passed afterwards into the filtering bed, which is four feet thick.’
‘How do you make up this enormous bed?’
‘The water rests upon, and permeates through, 1st, a surface of fine sand; 2d, a stratum of shells; 3d, a layer of garden gravel; and 4th, a base of coarse gravel. It thence falls through a number of ducts into cisterns, whence it is pumped up so as to commence its travels to town through the conduit pipe.’

The engineer superintendent at the machines that Dickens and his friend Lyttleton were going to see, ensures that the water delivered by the nine companies so thoroughly filtered is completely pure, which cannot be said of that drawn from sources or from the gutter pipes - which were in lead - both collected for domestic use in the countryside and much less for those drawn directly from the rivers; even the one kept in the cisterns in the house, remaining stationary, tends to lose its purity, provided that initially it could boast it: in the smaller houses of London and the surrounding areas, water was in fact drawn by some tanks, often located in the attic, which were filled three times a week, but of course the flow of water was not continuous, that is current, and when they were empty, it was necessary to wait for the new supply.

This mechanism, completely innovative, allowed many people to enjoy the benefits of running water, estimated in about 100 liters per day 'pro-capite', as we will see proceeding with the reading of Dicken's article, except for Sunday, which was the only day when the companies that supplied the water distributed by the GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE did not provide their service, so, to all intents and purposes, it was certainly worth even spending more money to have in your homes the running water, at least  for a question of health.
But Dickens still ignores what a huge device his eyes are going to to see:

[...] What a monster! Imagine an enormous see-saw, with a steam engine at one end, and a pump at the other. Fancy this‘ beam,’ some ten yards long, and twenty eight tons in weight, moving on a pivot in the middle, the ends of which show a circumference greater than the crown of the biggest hat ever' worn. See, with what earnest deliberation the ‘see,’ or engine, pulls up the ‘saw,’ or balance-box of the pump, which then comes down 11 on the water-trap with
the ferocious àplomb of 49 tons, sending 400 gallons of water in one tremendous squirt nearly the twentieth part of a mile high;— that is to the top of the stand-pipe.

The engineer who accompanied Dickens and his friend Lyttleton continues his illustrative speech explaining that the big pump sucks and compresses 11 times a minute thus pumping every 60 seconds 4400 gallons for a supply that goes from 4,000,000 to 5,000,000 gallons of clear water every day.

‘What proportion of London do you 'supply?’ asked Mr. Lyttleton.
‘The quadrangle included between Oxford Street, Wardour Street, Pall-Mall, and Hyde Park; besides the whole of Notting-hill, Bayswater, and Paddington. We serve 14,058 houses, to each of which we supply 225 gallons per day, or, taking the average number of persons per house at nine, 25 gallons a head; besides public services, such as baths, water ing streets, or manufactories; making our total daily delivery at the rate of 252 gallons per house. This delivery is performed through 80 miles of service pipes, whose diameter varies from 3 to 30 inches.’







But do you wonder what did it mean, 80 miles of pipe network, at that time ... not only the pump was something monstrous, but so was the whole Kew Pumping Station and the entire engineering work that had been done with it!

Returning to the GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE, made in Cornwall which at that time boasted a record in the construction of such engines, it was really something monstrous for the times and we can still consider it such today if we think that it continued its work until 1944, without practically stopping, and it was so powerful that it had the ability to pump water to the upper floors of buildings, which encouraged the 'growth' of London upwards, ie the construction of buildings with more floors, especially in residential areas.

Today we can still observe it, with request, in function, at what was then the Kew Pumping Station, which in recent times has become the London Museum of Water and Steam.


Ah, I forgot to tell you that eventually, persuaded by what he had seen with his own eyes and heard with his own ears, the skeptical Lyttleton really had to rewrite his own speech for the conference which had to be held the very day after!




And arrived at the end of today's story, taken from the chronicles of 1850,

I hug you with love,

thanking you as always for having followed me up to here,



see you soon 💕









SOURCE:











"Che mostro!
Immaginate un'enorme altalena, con un motore a vapore ad un'estremità ed una pompa all'altra ... "



- immagine 1 - Il GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE




Quando nell'aprile del 1850 Charles Dickens si trovò a visitare il locale chiamato al tempo Kew Pumping Station in cui era stata posta l'enorme pompa idraulica, il GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE, costruita nel 1846 da Sandys, Carne & Vivian della Copperhouse Foundry di Hayle, in Cornovaglia, primo motore realizzato appositamente per il servizio degli acquedotti, egli, rimasto impressionato dall'enormità del macchinario - che è tutt'oggi il più grande motore ad asta funzionante -, dal rumore che produceva ed ancora non uso a vedere a cosa potevano in realtà condurre il progresso tecnologico che proprio allora stava compiendo i suoi primi passi, così scrisse sul settimanale da lui fondato quello stesso anno, Household Words, nel numero uscito il giorno 13:


LA CONTROVERSA QUESTIONE DELL'ACQUA.


Il mio eccelso ed eloquente amico, Lyttleton, di Pump Court, Temple, avvocato, mi ha scomodato in una umida mattinata alla fine del mese scorso, per assicurarsi la mia compagnia ad una riunione alla quale intendeva partecipare sostenendo la propria idea. "È, ha detto, il grande Congresso sulla fornitura d'acqua, che si riunisce domani."

"Sai qualcosa a tale proposito?"

"E' un grosso affare sia in pratica che in teoria. In pratica pago per la mia piccola cisterna nel Regent's Park il doppio di quanto paga per la sua acqua il nostro amico Fielding, ed entrambe le forniture derivano dalla stessa compagnia.

Eppure la sua è una villa, la mia è un cottage; il suo affitto è più che doppio del mio, e la sua famiglia il triplo della mia. Tutto dovuto alla coerenza e agli introiti di un monopolio irresponsabile. Praticamente, ancora, ci sono occasioni in cui le mie cisterne sono prive di acqua di conseguenza all'offerta carente. '
"La tua acqua è cattiva?"

"Assolutamente non infetta; ma ho bevuto di meglio".


Dimostrando di essere ben preparato sull'argomento, Lyttleton cominciò il suo discorso:


[...] delle 300.000 case di cui Londra si dice consista, 70.000 sono prive del grande elemento di aspirazione e pulizia (ossia di acqua corrente). Trovo anche che l'offerta, così com'è, è derivata da nove compagnie idriche tutte collegate tra loro a formare un monopolio gigante; e che, di conseguenza, la tassa per l'acqua sia in alcuni casi eccessiva; che sei di queste compagnie attingono la loro acqua dal sudicio Tamigi, e lo stesso numero, comprese quelle che usano l'acqua del Lea e del New River, non hanno un sistema di filtraggio - il che non è salutare: in breve, la popolazione della metropoli è vittima di acqua cara, insufficiente e sporca.


Dickens propone quindi al suo amico una visita a Kew Bridge, dove si trovava la Kew Pumping Station e dove nel 1848 era stato installato il GREAT JUNCTION 90-inch engine che distribuisce l'acqua monopolizzata dalle nove compagnie di cui sopra.

Raggiunto Kew Bridge, 



- immagine 2



Dickens mostra all'amico quello che era il punto esatto in cui la Grand Junction Waterworks Company attingeva l'acqua, ossia dal letto del fiume, ma non prima di averla filtrata attraverso una vasta e fitta rete situata sulla bocca del tubo di aspirazione capace di trattenere tutte le sostanze solide che nelle acque del fiume scorrevano quali origine della loro malsanità, perché anche se l'acqua purificata risulta al palato quasi completamente priva si sapore, è anche del tutto privata di elementi patogeni, fonte di malattie anche gravi.

In un secondo tempo l'acqua, dopo essere stata aspirata, viene pompata dal GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE in un bacino di filtraggio che si estende per 3 acri e 1/2 e lasciata depositare affinché anche gli elementi quali sabbia, terra, argilla, scarichi delle grondaie, saponi, etc. rimangano sul fondo e perciò il liquido così ottenuto risulti completamente puro e cristallino - e sarà proprio tale sistema di filtraggio, infatti, ad impedire che gli sporadici casi di colera che al tempo erano diffusi tra la popolazione, probabilmente tra i meno facoltosi che non potevano permettersi di pagare l'acqua corrente e del tutto epurata, non degenerassero in un'epidemia.

[...] la nostra acqua viene passata in seguito nel letto filtrante, spesso quattro piedi".
"Come si fa a costruire questo enorme letto?"
"L'acqua cade a pioggia su di esso ed attraversa, in primo luogo una superficie di sabbia fine; quindi uno strato di conchiglie, poi uno strato di ghiaia da giardino ed infine una base di ghiaia grossolana. Scende allora attraverso un certo numero di condotti nelle cisterne, da dove viene pompata in modo da iniziare i suoi viaggi in città attraverso il condotto della rete idraulica".

L'ingegnere sovrintendente presso i macchinari a cui Dickens ed il suo amico Lyttleton si stavano approssimando garantisce che così filtrata l'acqua erogata dalle nove compagnie è del tutto pura, cosa che non si può dire di quella di sorgente o di quella che proviene dai tubi delle grondaie - che erano in piombo - entrambe raccolte per usi domestici in campagna e tantomeno per quella attinta direttamente dai fiumi; anche quella conservata nelle cisterne in casa, rimanendo ferma, tende a perdere la sua purezza, a patto che inizialmente potesse vantarne: nelle case più piccole di Londra e del circondario l'acqua era infatti attinta da alcune cisterne, spesso situate nel sottotetto, che venivano colmate tre volte la settimana, ma ovviamente il flusso dell'acqua non era continuo, ossia corrente, e quando si svuotavano bisognava attendere la nuova fornitura.

Questo meccanismo, del tutto innovativo, consentiva invece a molte persone di godere dei vantaggi dell'acqua corrente, stimata circa in 100 litri il giorno pro-capite, come vedremo procedendo con la lettura dell'articolo, esclusa la domenica, che era il solo giorno in cui le compagnie che erogavano l'acqua distribuita dal GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE non prestavano servizio, per cui, a tutti gli effetti, valeva sicuramente la pena spendere anche più denaro per avere nelle proprie case l'acqua corrente non fosse altro che per una questione di salute.

Ma Dickens ancora ignora quale enorme congegno sta per presentarsi ai suoi occhi:

[...] Che mostro! Immaginate un'enorme altalena ( N.d.A. - una tavola sospesa con un perno centrale ) con un motore a vapore a un'estremità e una pompa all'altra. Immaginate questo "braccio", lungo circa dieci iarde, e ventotto tonnellate di peso, che si muove su di un perno collocato nel mezzo, le cui estremità mostrano una circonferenza maggiore della corona che persino il più grande copricapo indossato abbia mai avuto. Dovreste vedere con quale agevolezza una parte del braccio, ossia il motore, tira su l'altra parte o scatola della bilancia, che poi scende lungo il sifone con una feroce pressione di 49 tonnellate che invia 400 galloni di acqua in un tremendo getto alto quasi la ventesima parte di un miglio: - questo in cima al tubo di supporto.

L'informatore che accompagnava Dickens e l'amico Lyttleton prosegue il proprio discorso illustrativo spiegando che la grande pompa aspira e comprime 11 volte il minuto pompando così ogni 60 secondi 4400 galloni per una fornitura che va da 4.000.000 a 5.000.000 di galloni di acqua potabile ogni giorno.

"Che porzione di Londra rifornite?", chiese Mr. Lyttleton.

"Il quadrilatero compreso tra Oxford Street, Wardour Street, Pall-Mall e Hyde Park; oltre a Notting Hill, Bayswater e Paddington. Serviamo 14.058 case, a ciascuna delle quali forniamo 225 galloni al giorno, o, facendo conto che il numero medio di persone per ogni casa sia nove, 25 galloni a testa; oltre ai servizi pubblici, quali bagni, lavaggio delle strade o fabbriche mantenendo la nostra erogazione giornaliera totale al ritmo di 252 galloni per casa. Questa distribuzione viene eseguita attraverso 80 miglia di tubi di servizio, il cui diametro varia da 3 a 30 pollici ".



- immagine 3


- immagine 4


- immagine 5


- immagine 6


- immagine 7



Ma ci pensate, 80 miglia di rete di tubi, a quell'epoca ... non solo la pompa era qualcosa di mostruoso, ma lo era anche la Kew Pumping Station e l'intera opera ingegnieristica che con essa era stata realizzata!

Tornando al GRAND JUNCTION 90 INCH ENGINE, realizzato nella Cornovaglia che a quel tempo vantava un primato nella costruzione di macchinari a braccio, esso era realmente qualcosa di mostruoso per i tempi e tale lo possiamo considerare ancora oggi se pensiamo che continuò il suo lavoro fino al 1944, senza praticamente fermarsi mai, ed era così potente tanto da avere la capacità di pompare acqua ai piani superiori degli edifici, cosa che incoraggiò la 'crescita' di Londra verso l'alto, ovvero la costruzione di edifici a più piani, soprattutto nelle zone residenziali.

Oggi lo possiamo ancora osservare, su richiesta, in funzione, presso quella che era allora la Kew Pumping Station, divenuta in epoche recenti il London Museum of Water and Steam.  

Ah, dimenticavo di dirvi che infine, persuaso da ciò che aveva visto con i propri occhi ed udito con le proprie orecchie, lo scettico avvocato Lyttleton dovette davvero di tutta fretta riscrivere il proprio discorso per il convegno del giorno dopo!




E giunti in fondo alla storia di oggi, tratta dalle cronache del 1860, 
vi abbraccio con affetto, 
ringraziandovi come sempre per avermi seguita fino a qui,


a presto 💕