mercoledì 13 dicembre 2017

For a Victorian Christmas ~ Dress Your Own Victorian Christmas Tree.




The Christmas Tree by Albert Chevallier Tayler (1862 - 1925)



In the last post of ~ My little old world ~ we watched together, in the video that accompanies us from the beginning of the month teaching us how to create our Victorian Christmas, how to make cornucopias, traditionally dating back to the Victorian culture, filled with sweets of every kind or little gifts, and I have suggested you how to dry slices of orange and how to use them with creativity in your ornaments.

Today we just have to decorate our Christmas Tree, for which also we have to thank our Victorians ... indeed, Prince Consort Albert, as first ... 

Victorian Christmas Trees, brought from the mountain and hillsides, were of all sizes, from two feet high to a majestic height that could graze the lofty ceilings in the decorated homes of the wealthy. Most families bought and carried home their tree many days before Christmas eve, when, according to the tradition, it had to be decorated.

Very large trees were difficult to hold in a firm position, but if securely fastened were much more impressive after they were trimmed. Height, with branches compact to the trunk, was an important matter to be considered in the selection of a Christmas tree, because the weight of the articles ornamenting it always made the branches droop.

A Christmas tree of moderate size could be conveniently placed in a small tub and filled in with stones, coal or anything to keep it secure and steady. At times colored paper was pasted over the tub, so as to hide unsightly crevices, and then some moss laid over all. Sometimes the tree was propped up in a freshly painted tub where were set pots of blooming plants and bright foliage.

The smaller Christmas trees were generally fastened onto a support made of wood, 





surrounded with crude fence-rails and carpeted with moss for grass. Godey's Lady's Book and Magazine provided an engraving in 1876 for decorating the Christmas tree. The illustration showed a quantity of moss placed around the Christmas tree to form a border for the apples, oranges, gilded nuts, and bags of muslin and tarlatan containing sweetmeats. The books and larger toys which could not be conveniently suspended from the branches of the tree were laid at the base of the tree.
Hard candy tied in squares of colored tissue paper were also hung from the branches of the Christmas tree.

Tiny cakes in fanciful and animal shapes were suspended from every branch. Sometimes a narrow strip of the finest cotton-wool was spread along each branch and twig to the farthest needle-tips, to represent snow, and children were always excited with this addition. Shreds of glittering gilt and silver foil, which would not catch fire, was thrown over the entire tree for a charming effect.
At the top of the Christmas tree paper flowers were arranged as their bright colors contrasted favorably with the green branches. At times, roses were placed here and there, in and out.

In addition stars, hearts and other shapes made of gay colored paper were threaded on long strands and draped upon the Christmas tree. 
Often gilded walnut shells suspended from colored ribbons looked pretty. The walnuts were covered with gilt paper, or dropped in liquid gold and placed on a board to dry. The two shells were glued together before they were gilded, with the ribbon glued on upon one end.
Pine cones were hung from the branches.  

Then came the tree candleholders - the most worthy decoration. One magazine recommended that a "dignified tree" be decorated with candles only, except for a few gaily wrapped gifts among the branches. The more candles there were, the more beautiful the effect, especially if all the candles were red. Variations were all green candles or a tree of assorted colors. If white candles were used, the tree was sprinkled with artificial snow.

Only little gifts were placed on the tree and when it tree was fully decorated, the children went round and round it, pointing to each fruit by name, to the tri-colored paper chains, cornucopias and tissue wrapped candy, to the gilded nuts and pine cones, to the flickering candles in their polished holders and laughed delighted if a twig was scorched by a flame and sent out its well-loved pine odor.

The Christmas tree decorations were kept from year to year, from generation to generation and each year some new and special ornaments being added.

But let's watch the next video which show us how to decorate a simple but traditional Victorian Christmas Tree.




Surely, our Victorians didn't lack both imagination and simplicity, and the result was always great!

I hope to have today too rejoiced you and suggested you how to dress your houses with the atmosphere apt to welcome the most traditional Christmas that you have ever known.

And before than taking my leave of you, I'm posting a nice poem by Mary M.Parks about how birds do celebrate their Christmas with their Christmas Tree !



And with this I'm waiting for you next time, for the last decoration that the Victorian tradition suggests us to realize.



From my heart to yours ðŸ’•












~ PER UN NATALE VITTORIANO ~ 
COME ADDOBBARE IL NOSTRO ALBERO DI NATALE. 





- immagine 1 - The Christmas Tree by Albert Chevallier Tayler (1862 - 1925)




Nell'ultimo post di ~ My little old world ~ abbiamo visto insieme, nel video che dall'inizio del mese ci accompagna insegnandoci come creare il nostro Natale vittoriano, come realizzare le cornucopie, tradizionalmente risalenti alla cultura vittoriana, da appendere al nostro albero, ricolme di piccoli dolciumi di ogni tipo o doni, ed io vi ho suggerito come far essiccare le fettine di arancia per candirle e per poterle utilizzare con fantasia nei vostri addobbi.

Oggi non ci resta che decorare il nostro albero, per la tradizione del quale dobbiamo essere grati ai nostri Victorians ... ovvero, al Principe Consorte Albert, in primis !

Gli alberi di Natale vittoriani, ossia gli abeti, portati dalle montagne e fatti scendere dai pendii, potevano essere di tutte le dimensioni, da un'altezza di poco più di sessanta cm. a un'altezza maestosa che poteva sfiorare i soffitti alti nelle case imponenti delle famiglie benestanti. La maggior parte delle famiglie comprava e portava a casa il proprio albero molti giorni prima della vigilia di Natale, quando, secondo la tradizione, doveva essere decorato.

Gli alberi molto grandi erano difficili da mantenere in una posizione stabile, ma se fissati saldamente erano molto più imponenti di quando erano nel loro bosco. L'altezza, con i rami compatti intorno al tronco, era  importante da tenere in considerazione nella scelta di un albero di Natale, perché il peso degli addobbi che lo avrebbero ornato rendeva sempre i rami cadenti.

Un albero di Natale di dimensioni moderate poteva essere comodamente posto in una piccola vasca riempita con pietre, pezzi di carbone o altro per tenerlo sicuro e fermo. A volte della carta colorata veniva incollata sopra la vasca, in modo da nascondere eventuali brutte crepe, e poi del muschio veniva posato su tutto, oppure veniva dipinta di fresco ed in essa erano piantati vasi di piante in fiore e foglie sgargianti. 

Gli alberi di Natale più piccoli erano generalmente fissati su di un sostegno fatto in legno,



- immagine 2 - ALBERO DI NATALE PUBBLICIZZATO NEL 1894



magari circondati da grezzi recinti e tappezzati di muschio per simulare l'erba. Il Godey's Lady's Book and Magazine pubblicò un'incisione nel 1876 per fornire un suggerimento su come decorare l'albero di Natale. L'illustrazione mostrava una quantità di muschio posta attorno all'albero per formare un bordo per le mele, le arance, le noci dorate e sacchetti di mussola e tarlatana contenenti dolciumi. I libri e i giocattoli più grandi che non potevano essere collocati direttamente tra i rami erano stati posti alla base dell'albero.
Dai rami dell'albero di Natale pendevano anche caramelle legate dentro a quadrati di carta velina colorata.
Piccoli dolciumi in forme fantasiose e animaletti erano sospesi ad ogni ramo. Talvolta una sottile striscia di lana finissima veniva stesa lungo ogni ramo e ramoscello fino alle punte degli aghi più lontane, per rappresentare la neve, ed i bambini erano sempre entusiasmati da questa aggiunta. Frammenti di lamina argentate e dorate, che non avrebbero preso fuoco, venivano lanciati sull'intero albero per ottenere un effetto affascinante.
In cima all'albero di Natale, fiori quali poinsettie o rose erano disposti in modo che i loro colori vivaci contrastassero con il verde dei rami, ma occasionalmente alcune rose venivano collocate qua e là, dentro e fuori la chioma dell'abete.
Inoltre stelle e cuori fatti di carta colorata venivano infilati su lunghi fili e appesi all'albero.
Gusci di noce dorati sospesi su nastri colorati facevano bella mostra di sé. Le noci o venivano coperte con carta dorata, o aperte e immerse e in una vernice tinta oro e quindi poste su una tavola ad asciugare. Il guscio veniva quindi ricomposto con della colla e veniva aggiunto del nastro su di un'estremità; anche le pigne erano spesso appese ai rami.

Poi venivano aggiunti i candelabri - il tocco finale. Una rivista raccomandava che un "albero sobrio" dovesse essere decorato solo con delle candele, tranne qualche vivace dono tra i rami, però più candele c'erano, più bello era l'effetto, specialmente se tutte le candele erano rosse, anche se non era inusuale trovare candele verdi o di colori assortiti. Se venivano usate candele bianche, l'albero veniva infine cosparso di neve artificiale.

Solo i dono più piccoli erano posti sull'albero e quando l'albero era completamente decorato, i bambini giravano attorno ad esso, indicando ogni frutto per nome incantandosi guardando i festoni di carta tricolore, le cornucopie colme di dolciumi e le caramelle appese, le noci dorate e le pigne, le candele tremolanti nei loro lucenti sostegni e ridevano deliziati se un ramoscello veniva occasionalmente bruciato da una fiamma ed emanava così il suo amato odore di pino.

Le decorazioni dell'albero di Natale venivano conservate di anno in anno, di generazione in generazione, e ogni anno venivano aggiunti nuovi e speciali ornamenti.

Ma vediamo insieme come procedere nel prossimo video!






Certo che ai nostri Victorians non facevano difetto fantasia e semplicità, ed il risultato era sempre grandioso !

Spero di averi anche oggi rallegrato e suggerito come vestire di atmosfera le vostre case per accogliere il Natale più tradizionale che mai abbiate conosciuto.

Ma prima di congedarmi da voi, mi piace pubblicare una graziosa poesia di Mary M.Parks su come un giorno anche gli uccelli celebrarono il loro Natale con il loro Albero di Natale!

Il macellaio ci diede del grasso, 
ed il buon Brown del frumento; 
lo zio John un fascio di avena
perchè gli uccellini potessero mangiare.

E noi infilammo mirtilli rossi
e popo corn, in ghirlande, 
e cospargemmo l'albero di polvere di diamante, 
che sembrava ghiaccio, sapete?

La notte della Vigilia lo decorammo,
e ci fece ridere il vedere
come l'indomani mattina
il nostro Albero di Natale brulicava di uccellini.

Mangiarono il frumento,
e quanto piacque loro, non vi dico!
Ma tornarono al lavoro e mangiarono infine, 

anche tutte le decorazioni che avevamo messo!


E con ciò vi do appuntamento alla prossima volta, per l'ultima decorazione che la tradizione vittoriana ci suggerisce di realizzare.


Con tutto il cuore ðŸ’•






sabato 9 dicembre 2017

For a Victorian Christmas ~ Make Your Own Victorian Tree Ornaments.


Symbol of Christmas par excellence, since Prince Albert gave it as a gift to his beloved Victoria for Christmas 1841, thus introducing it to England where it wasn't known yet, the Christmas Tree was adorned, during the Victorian Age, with a wide range of decorations, such as pine cones gathered in the woods, garlands of dried or fresh fruit or made of colored paper, ribbons tied on the tops of its branches and small cornucopias that were filled with gifts, obviously of modest size, preferably confectionery.


Let's see together this video that teaches us how to create them, in paper or fabric, if you prefer - and if you decide to use it choose a piece of fabric quite sturdy or starch it before using it - and how to decorate them to get them ready to be hung on our Christmas Tree.


Enjoy my dearest friend and faithful readers !




As you have surely understood, I love handmade ornaments. Because they have been made with thoughts and patience and yet unique in their own ways. With the cornucopias, here is another one of my favorites, Dried Orange Slices, beautifully handmade and old tradition ornaments that bring beauty and aromas into your Christmas rooms and definitely give you the feeling of having tiny stained glass ornament on your tree.



SUPPLIES:


oranges

a knife and a cutting board
your oven
some strings
some cranberries
a needle
and cinnamon sticks which can be added to your ornaments if you like.


Cut oranges in 1/4″ slices. Lay oranges on paper towels in a single layer, then place another paper towel on top and gently pat to remove excess juice.

Place oranges in single layer directly on oven rack and bake at 275° F for one hour, then 225° F for two additional hours. Make sure to flip the oranges every half hour to prevent them from curling and to release moisture from the oven.
They may feel a little sticky when you first take them out of the oven, but will harden the rest of the way on their own. If you want to keep them once they are completely hardened you can spray them with a clear coat.
Using a needle, thread, cranberries and cinnamon I decorated them. I absolutely love the stained glass effect you get when they are in front of a light. 


SOURCE:





In the hope to have suggested you another Christmas decorations that give you joy to realize, I'm waiting for you in a few days to decorate our Victorian Christmas.


From my heart to yours ðŸ’•










~ PER UN NATALE VITTORIANO ~ 
COME REALIZZARE DECORAZIONI PER L'ALBERO DI NATALE - PICCOLE CORNUCOPIE IN CUI INSERIRE DONI.  


Simbolo del Natale per eccellenza da che il Principe Albert ne fece dono alla sua amata Victoria per il S.Natale del 1841 introducendolo così in Inghilterra dove ancora non era conosciuto, l'albero di Natale si vestiva, durate l'epoca vittoriana, dei più svariati oggetti di addobbo, da pigne raccolte nei boschi a ghirlande di frutta secca o fresca o di carta colorata, da nastri annodati sulle cime dei suoi rami a piccole cornucopie che venivano colmate di doni, ovviamente di modeste dimensioni, di preferenza dolciumi.

Vediamo insieme questo video che ci insegna come crearle, in carta od in tessuto, se volete - e se decidete per questo cercatelo piuttosto rigido o inamidatelo voi prima di utilizzarlo - e come decorarle per poi poterle mettere sul nostro albero di Natale. 

Buona visione e buon divertimento !






Come avete sicuramente avuto modo di capire, adoro gli ornamenti fatti a mano. Perché sono stati fatti con pazienza ed amore e sono unici a modo loro. Con le cornucopie, ecco un'altra delle mie preferite, le fette di arancia essiccate, antichi ornamenti tradizionali che portano bellezza e aroma nelle vostre stanze natalizie e sicuramente vi danno la sensazione di avere un piccolo decoro di vetro colorato sul vostro albero.



-  fotografia



ECCO COSA VI OCCORRE:

delle arance
un coltello ed un tagliere
il vostro forno
spaghetto da cucina
mirtilli rossi
un ago
e bastoncini di cannella che possono essere aggiunti ai vostri ornamenti, se volete.


Tagliare le arance a fette di circa mezzo centimetro e posarle su carta assorbente in un unico strato, quindi posizionare un altro strato di carta sulla parte superiore e tamponare delicatamente per rimuovere il succo in eccesso.
Mettere le fettine direttamente sulla leccarda e cuocerle a 135° per un'ora, poi a 105° per altre due ore. Ricordate di capovolgere le arance ogni mezz'ora per evitare che si arriccino e perché rilascino l'umidità gradatamente.
Potrebbero sembrarvi un po' appiccicose quando le rimuoverete dal forno, ma induriranno velocemente con la temperatura ambiente. Se volete conservarle ancor meglio quando saranno completamente indurite potete spruzzarle con una vernice trasparente.
Usando un ago, dello spago sottile (quello che generalmente si usa per legare l'arrosto), dei mirtilli rossi e qualche bastoncino di cannella li ho decorati.
Adoro l'effetto tipo vetro colorato che si ottiene quando sono poste di fronte ad una fonte luminosa.


FONTE:



Nella speranza di avervi suggerito altre decorazioni natalizie che possiate realizzare con  gioia, vi aspetto tra qualche giorno per addobbare il nostro Albero di Natale vittoriano.


Con tutto il cuore 💕









LINKING WITH: 













Sandee's and Kathe's WORDLESS WEDNESDAY

WORDLESS WEDNESDAY at Create With Joy









martedì 5 dicembre 2017

For a Victorian Christmas ~ Make Your Own Victorian Ivy Ribbons.


Probably the most Victorian Christmas decoration for 'dressing up' with love and warmth environs were ribbons made of ivy leaves - often, alas, we see them in plastic in our supermarkets - but there's no compasrison with the beauty and and the coziness that to a dining room would bring real scented ivy leaves, collected and sewn on strips of fabric to make drapes to place and hang almost everywhere, still fragrant with wood ?

And so let's watch this video driving us in the preparation of such decorations, to create them just like those that Victorian Ladies were delighted to realize and with which they personalized the most frequented rooms of their homes, generally placed at the ground floor, from the drawing room to the room where the main meals were consumed.

Enjoy my friends and readers, and have fun !






In the hope to have suggested you a Christmas decoration that stimulates your creativity and that gives you joy to realize, I'm waiting for you in a few days with new ideas to recreate the most Victorian Christmas you've ever lived!

With all my heart ðŸ’•










~ PER UN NATALE VITTORIANO ~ 
COME REALIZZARE FESTONI UTILIZZANDO FOGLIE D'EDERA  


Forse la decorazione in assoluto più vittoriana per vestire di Natale la casa erano i festoni fatti con foglie di edera - spesso, ahimè, li vediamo in plastica nei nostri supermercati - ma volete mettere di quanta bellezza e di quanto calore si arricchirebbe una sala da pranzo decorata con foglie di edera vere, da noi raccolte e cucite su strisce di tessuto a fare drappeggi un po' ovunque, per giunta profumati di bosco?

Ed allora guardiamo insieme questo video che ci guida nella preparazione di tali addobbi, per crearli proprio come quelli che le Ladies vittoriane si dilettavano a realizzare e con cui personalizzavano i vani più frequentati delle loro dimore, generalmente situati al piano terra, dal drawing room ( salotto) alla dining room ( sala in cui venivano consumati i pasti principali ).

Buona visione e buon divertimento !






Nella speranza di avervi suggerito una decorazione natalizia che stimoli la vostra creatività e che vi doni gioia realizzare, vi do appuntamento alla prossima volta, con nuove idee per ricreare il Natale più vittoriano che mai abbiate vissuto !

Con tutto il cuore ðŸ’•




venerdì 1 dicembre 2017

For a Victorian Christmas ~ Make Your Own Victorian Wreath.


It's useless to say, dear friends and readers, that we ought to our Victorians the Christmas as we know it and how we celebrate it today that's why, to prepare us to welcome it in the best and most traditional of the ways, I thought to resort to some suggestions, as for decorations, that will make your  own Christmas more victorian than ever!
First of all let's start by preparing a wreath to embellish our front door and with which to welcom warmly those who enter our homes during these days when we prepare our hearts for the most beautiful, joy-filled and meaningful holiday of the year.

The tradition of preparing a wreath to hang on the door dates back to many centuries before the 1800's, but it was a tradition that the Victorians embraced and made their own with joy. Victorian wreaths were very elaborate and made with all kinds of evergreen foliage that could be found in nature even with the season's climatic rigor, such as holly, ivy and little branches of yew. To decorate it they used seasonal fruits and pine cones.

But let's watch in the following video how to prepare easily a wreath just like those dating back to the Victorian Age.




It looks gorgeous, doesn't it ?

See you in a few days to prepare another Victorian Christmas decoration 💕















~ PER UN NATALE VITTORIANO ~ 
COME REALIZZARE UNA GHIRLANDA VERDE


E' inutile che vi dica, miei cari amici e lettori, che dobbiamo ai nostri Victorians il Natale come lo conosciamo e come lo celebriamo noi oggi, perciò, per prepararci ad accoglierlo nel migliore e più tradizionale dei modi, ho pensato di ricorrere ad alcuni suggerimenti in quanto a decorazioni che renderanno il vostro Natale più vittoriano che mai !
Innanzitutto cominciamo con il prepararci una ghirlanda con cui abbellire le nostre porte d'ingresso ed accogliere con calore chi entra nelle nostre case durante questi giorni in cui prepariamo i nostri cuori alla festa più bella e significativa dell'anno.

La tradizione di preparare una ghirlanda da appendere all'uscio risale a molti secoli prima del 1800, ma fu una tradizione che i Victorians abbracciarono e fecero propria con gioia. Le ghirlande vittoriane erano molto elaborate e fatte con tutti i tipi di fogliame sempreverde che pur con il rigore climatico della stagione si potevano reperire in natura, quali l'agrifoglio, l'edera e rametti di tasso. Per decorarla usavano frutti di stagione e pigne.

Potete vedere nel video qui sopra come prepararne facilmente una identica a quelle datate XIX secolo.



- VIDEO - https://youtu.be/tiWKUEj_YgA



Non trovate sia stupenda ?


Ci vediamo tra qualche giorno per preparare un'altra decorazione natalizia vittoriana ðŸ’•













lunedì 27 novembre 2017

A Day with Qeen Marie Antoinette.


Even though it was lived between comforts and luxury, sometimes excessively, have you ever wondered how contrived and complex a day of a woman who was sitting on a throne in the XVIIIth and XIXth centuries could be?
Nothing was left to chance, everything was strictly not only foreseen, but laid down and strictly observed, nothing could be omitted, there was a rigid protocol that established even the slightest detail to follow ...



... and often all this represented a bond that closely linked the free spirits that lived and marked the History of those ages, not least the Queen of France Marie Antoinette, the AUSTRIAN, as she was called with disdain by her poeple, a daughter of Empress Maria Teresa of Austria, and became a consort of Dolphin Louis XVI in May 1770, named King after the death of his grandfather Louis XV, which occurred in May 1774, shortly after they got married.
Knowing how adamant the protocol of the Viennese court was, still adhering to the Spanish one dating back to the XVIth century, that of the court of Paris could represent a sort of 'lightening' of all that in Vienna was imposed, and perhaps the young girl who went to Paris to marry herself (Marie Antoinette went to Paris to get married at the age of 14) really thought just this way at the time, but let's read together with me how it was organized a Queen's day and you can understand why she often wandered around the gardens surrounding the rural village of the Petit Trianon that her husband had donated her, wearing just a simple muslin dress and often with a floral hat that made her almost unrecognizable to the most!








(Louis XVI offered the Petit Trianon to his young bride when his grandfather, Louis XV, who had made it build for his favorite, first Madame de Pompadour, later the Duchesse du Barry, had just died and there Marie Antoinette created a personal and intimate universe, far from the splendour of the court, by making build the Théâtre de la Reine, and adding an English garden that enlivened the monotony of the rest of the park. Richard Mique erected many buildings, between 1777 and 1782, such as a temple dedicated to Love, an "Alpine garden" with its 'belvedere' and a game of fountains, and, in a more rustic style, a borough (Hameau de la Reine) drawn by the painter Hubert Robert, according to the Russian inspiration prevailing at the time proclaiming a return to the purity and clearness of nature completed the ensemble.). 

At this moment she was especially happy with a new pastime. Amidst the stately halls of Versailles she had often longed for a villa on a smaller scale, which she might call of her own; and the wish was now gratified. [...] and, pleased with her new toy, Marie Antoinette, still a girl in her impulsive eagerness for a fresh pleasure (she was not yet nineteen), begun to busy herself with remodeling the pleasure-grounds with which it was surrounded. [ ...] She imported English drawings and hired English gardeners. She visited in person le Count de Caraman, and one or two other nobles, who had already done something by their example to inoculate the Parisians with the new fashion. And prsently lawns and shrubberies, winding walks and irregular shaped flower-beds, supplanted the stately uniformity of the terraces, alleys converging on central fountains, or on alcoves as solid and stiff as the palace itself, and trees cut into all kinds of fantastic shapes, which had previously been regardedas the masterpieces of the gardeners' invention. Her happiness was at its height when, at the end of a few months, all was completed to her liking, and she could invite her husband to an intertainment in a retreat which was wholly her own, and the chief beauties of which were her own work. 1






At 8.00, Her Majesty was awakened; a woman of the wardrobe came to her room carrying a basket with what were called "offers", namely two or three 'chemises', some handkerchiefs and some towels.

Then came the first waiting woman with the 'gazette des atours', a book that contained fabric samples of all the Queen's clothes, who for every season had twelve 'toilettes', twelve 'semi-toilettes', that were less formal dresses, and twelve sumptuous dresses with 'panniers', the striking straw padding that 18th-century fashion wanted to put on the lingerie and under the dress to round and pad the hips. The Queen picked the patterns of the dresses she wished to wear on that day by scoring them with a pin. What she had chosen was then handed over into large taffeta baskets and there there had to be "a sumptuous dress, a less formal one for the afternoon and an evening dress for theater and dinner."

The Queen was then wrapped in a long, flannel-like dress buttoned to the bottom and went to have a bath. The servants attending it (bathers) reached her with the bathing items and when she had finished, a large sheet was kept tended high to protect her from prying eyes and let her dry herself in private; so she went back to her bed wearing a white taffeta cloak and took in her hands either her embroidery work or a book to read.



A little purse belonging to the Queen which she embroidered herself



Breakfast time was set at 9.00 when, in the queen's room, a valet ran a tray with a cup of hot chocolate or coffee, and an hour later Marie Antoinette could go to visit the King's aunt in her apartments and then to the King's ones; at 11.00, her hair was dressed according to the style she liked more and therefore, when she was ready, she curtsied to everyone in the room (often swe was already reached by the King's brothers).

At noon came the time of the 'Grand Toilette' during which the Queen was got ready for lunch and the whole day, and for all the court ladies and the personal servants came with this the most important rite of the whole day: the ladies sat in circle around her  who was in the middle of the room in front of her toilet; this rite began with the cleansing of her face with detergents and astringent creams on which a whitening cream and a whitening and perfumed powder were applied. Rouge reddens her cheeks and pomade glosses her lips and since as a little girl Marie Antoinette suffered from smallpox, the little scars that were left on her cheeks were disguised with small points made with the dark pencil to simulate litle mouches - and it was so that the fashion of the pale face spurred by the often mischievously drawn mouches near the lips was launched; then her beloved toilet water, scented with orange flowers, was sprinkled on her face and on her body, and finally she wore, one by one, all her garments ( as first all it was done by her personal maids, but later the famous Mademoiselle Rose Bertin became responsable of this whole rite - she the first stylist in History, of whom HERE, long ago, I had the pleasure of telling you. )
All this shouldn't last more than half an hour as it was followed by the the rite of the Holy Mass, which the Queen and her consort heard daily before lunch (and in this case the Queen was accompanied by her following, first of all the Princesse de Lamballe,  at whom the ministers of worship joined); at 13.00 o'clock it was presented to Hes Majesty, who in the meantime retired in her rooms, the lunch menu directly from the hands of the maître d'hôtel.
Lunch in public was held every Sunday in the nobility's cabinet. On that day, the ladies titled, and then able to  enjoy the privilege of appearing among the chosen ones, sat on folding chairs placed on both sides of the table, while the not-noble ladies stood. The Queen dined alone with the King: behind the King's chair there was the captain of the guard and the first valet, behind the Queen's chair was her valet, the chief squirrel and her maître d'hôtel. The meal began when the Prince closer to the King presented him with a bowl to wash his hands and when the Princess closer to the Queen provided the same service.

Lunch was a sort of frugal snack given the Queen usually dined with only a small portion of meat and never drank wine.
After the meal the Queen visited the Dolphin's apartment and then returned to her apartments with her ladies to dedicate herself to correspondence or to read and it is at this time of the day that she removed her cumbersome and binding 'pannier' and the bottom of her dress, preferring to wear a light dress, in cotton or muslin, for the rest of the day.
At 3:00 pm she went back to visit the King's aunt and an hour later she received the Abbot in her apartments; at 5:00 p.m. there was an hour of music or singing lesson (Marie Antoinette played the harpsichord), after which she came back to pay a call to the King's aunt or went on a walk in the gardens.


At 7:00 p.m. all the preparations for the evening started, from the changing of the Queen's toilette, to arranging those activities that would have followed dinner, such as attending a theatrical performance or playing cards.
Dinner was served at 9:00 p.m. and was for the Queen a meal a little more substantial than lunch, as it usually consisted of a cup of broth, a chicken wing and a glass of water where she dipped some biscuits as a dessert. If the King wasn't present, dinner should only be served by female servants.
At 11:00 p.m. a procedure similar to the one that followed the awakening was repeated before the Queen laid down, even though it should be said that this time the offers from the wardrobe were a nightgown, a night cap and a pair of socks for the next morning; after the Queen was dressed for the night, everything she had wore during the day was taken to the wardrobe room to be repaired or cleaned.
I reveal a secret to you: to keep her hands beautiful the Queen often slept with waxed gloves.

Also for the king there was a very similar ceremony before the night retreat; while the Queen was waiting for her husband, her first maid was sitting at the foot of her bed; then the King came, and all the servants who had accompanied him were led to their rooms from the Queen's first maid, so she finally came to close the door of the Queen's room before going to bed.


Thanking you heartily for the love and interest I always read in your comments,
I'm send you a big hug, 
wishing you all my best.


See you soon ðŸ’•










ALL THE IMAGES WITHOUT CAPTION ARE FROM THE FILM MARIE ANTOINETTE  by  SOFIA COPPOLA, 2006.


BIBLIOGRAPHIC SOURCES:

Marie-France Boyer, Francois Halard, The Private Realm of Marie Antoinette, Thames & Hudson, 1996;

Elisabeth De Feudeau, From Marie-Antoinette's Garden: An Eighteenth-Century Horticultural Album, Alain Baraton, 2013;

Hélène Delalex, A Day with Marie Antoinette (A Day at), Flammarion-Slp edition, 2015;

Hélène Delalex, Alexandre Maral, Nicolas Milavanovic, Marie-Antoinette, J. Paul Getty Museum, 2016;

Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876;

Maxime de La Rocheterie, The Life of Marie Antoinette, 1893.



QUOTATIONS:

1 - Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876, p. 99.












Anche se vissuta tra agi e lusso, talvolta decisamente eccessivi, vi siete mai chiesti quanto potesse essere artificiosa e complessa la giornata di una donna che nel XVIII e nel XIX secolo sedeva su di un trono ?
Nulla era lasciato al caso, tutto era rigorosamente non solo previsto, ma sancito e strettamente osservato, nulla poteva essere tralasciato, vi era un rigido protocollo che stabiliva anche il minimo dettaglio da seguire ...



- fotografia 1



... e spesso tutto ciò rappresentava un vincolo che legava strettamente gli spiriti liberi che in quelle epoche vissero e segnarono la storia, non ultima la Regina di Francia Marie Antoinette, l'AUSTRIACA, come veniva chiamata con spregio dai suoi sudditi, figlia dell'Imperatrice Maria Teresa d'Austria e divenuta consorte del Delfino Luigi XVI nel maggio del 1770, nominato re dopo la morte del nonno Luigi XV, occorsa nel maggio 1774, poco dopo il matrimonio.
Sapendo quanto fosse rigido il protocollo alla corte viennese, ancora aderente a quello spagnolo risalente al XVI secolo, viene da pensare che la corte di Parigi potesse rappresentare una sorta di 'alleggerimento' di tutto quanto a Vienna era imposto, e forse la giovanissima promessa sposa (Marie Antoinette si recò a Parigi per sposarsi all'età di soli 14 anni) davvero lo pensò, a suo tempo, ma leggete con me come era organizzata una sua giornata da regina e ben riuscirete a comprendere perché spesso la si vedesse girovagare nei giardini che circondavano il villaggio rurale del Petit Trianon che il marito le aveva donato, abbigliata di un semplice abito di mussola e spesso con un floscio cappello che la rendevano quasi irriconoscibile ai più !




- fotografia 2


- fotografia 3


- fotografia 4


- fotografia 5


- fotografia 6


- fotografia 7




(Luigi XVI offrì il Petit Trianon alla sua giovane sposa quando il nonno, Luigi XV, che lo aveva fatto costruire per la sua favorita, prima Madame de Pompadour, cui poi 'succedette' la Duchesse du Barry, era appena deceduto; Marie Antoinette vi creò un universo personale e intimo, lontano dai fasti della corte, facendovi costruire il Théâtre de la Reine (un teatro di società), ed aggiungendo un giardino all'inglese che vivacizzava la monotonia del resto del parco. Richard Mique vi eresse molti edifici, tra il 1777 e il 1782, ossia un tempio dedicato all'Amore, un "giardino alpino", con un suo belvedere ed un gioco di fontane, ed, in uno stile più rustico, un borghetto - Hameau de la Reine - disegnato dal pittore Hubert Robert, completò l'insieme, secondo l'ispirazione russoviana imperante al tempo che proclamava un ritorno alla purezza e alla sorgività della natura.).

In quel momento era particolarmente felice per questo suo nuovo passatempo. Tra le maestose sale di Versailles aveva spesso desiderato una villa di dimensioni più ridotte, che potesse chiamare sua; e il desiderio era ora gratificato. [...] e, felice del suo nuovo giocattolo, Maria Antonietta, ancora una ragazza nella sua impulsiva impazienza alimentata da un nuovo piacere (non aveva ancora diciannove anni), iniziò a pendersi cura di rimodellare i terreni da cui era circondata. [...] Importò disegni inglesi e assunse giardinieri inglesi. Visitò di persona il Conte di Caraman e uno o due altri nobili, che avevano già fatto qualcosa con il loro esempio per introdurre ai parigini questa nuova moda. E ora prati e arbusti, passeggiate a chiocciola e aiuole di forma irregolare, soppiantarono la maestosa uniformità delle terrazze, i vicoli che convergevano sulle fontane centrali, o le alcove solide e rigide come il palazzo stesso, e gli alberi tagliati in tutti i tipi di forme fantastiche, che erano stati precedentemente considerati come i capolavori dell'invenzione dei giardinieri. La sua felicità era al culmine quando, alla fine di alcuni mesi, tutto fu completato a suo piacimento, e lei poté invitare suo marito ad un incontro  in un rifugio che era interamente suo, e le cui bellezze principali erano frutto del suo lavoro. 1




- fotografia 8


- fotografia 9


- fotografia 10


- fotografia 11


- fotografia 12




Alle ore 8,00 Sua Maestà veniva destata; una guardarobiera raggiungeva la sua stanza recando un cesto con quelle che venivano chiamate "offerte", ossia due o tre 'chemises', alcuni fazzoletti ed alcuni asciugamani.
Giungeva quindi la prima cameriera personale con la 'gazette des atours', un libro che conteneva campioni di tessuto di tutti gli abiti della regina la quale per ogni stagione aveva dodici 'toilettes', dodici 'semi-toilettes', ovvero abiti meno formali, e dodici abiti sontuosi corredati di 'panniers', le vistose imbottiture di paglia che la moda del XVIII secolo voleva poste sulla biancheria e sotto l'abito ad arrotondare ed imbottire i fianchi. La regina selezionava i capi che intendeva indossare quel giorno segnando i campioni con uno spillo. Ciò che aveva scelto le veniva quindi consegnato in grandi cesti di taffetà e vi dovevano essere compresi "un vestito sontuoso, uno meno formale per il pomeriggio ed un vestito da sera per il teatro e la cena".

La regina si avvolgeva quindi in una lunga veste di flanella inglese abbottonata sul fondo e si accingeva a fare il bagno: gli addetti a seguirla durante questa cerimonia la raggiungevano con gli articoli da bagno e quando ella aveva concluso, un ampio lenzuolo veniva tenuto alto ben teso per proteggerla da occhi indiscreti e lasciarla asciugare in privato; quindi se ne tornava a letto con indosso un mantello di taffetà bianco e prendeva in mano il suo ricamo o un libro da leggere.



- fotografia 13 - Piccola borsetta appartenente alla regina da lei stessa ricamata



L'ora della colazione era stabilita per le 9,00, quando, nella stanza della regina, un valletto recava un vassoio con una tazza di cioccolata calda o di caffè ed un'ora dopo Marie Antoinette poteva recarsi in visita negli appartamenti della zia del re e quindi in quelli del re; alle 11,00 i suoi capelli venivano acconciati secondo lo stile che più gradiva e quindi si rivolgeva a tutti i presenti nella stanza che assistevano compiendo inchini ( spesso era già stata raggiunta dai fratelli del re ).

A mezzogiorno giungeva il momento della 'Grand Toilette' durante il quale la regina si preparava per il pranzo e per tutte le dame di corte e le cameriere personali giungeva con questo il rito più importante dell'intera giornata: in cerchio si disponevano intorno a lei, che, davanti la sua toilette, sedeva al centro della stanza; si cominciava con la pulizia del viso che veniva effettuata con detergenti e creme astringenti sulle quali venivano applicate una crema ed una cipria sbiancante e profumata e dato che da bambina Marie Antoinette soffrì di vaiolo, le antiestetiche cicatrici che le erano rimaste sulle guance venivano camuffate con piccoli punti fatti con la matita scura a simulare dei nei - e fu così che venne lanciata la moda del volto pallido ingentilito da nei posticci spesso maliziosamente disegnati vicino le labbra; quindi veniva aspersa sul volto e sul corpo della regina la sua amata acqua di toilette profumata ai fiori d'arancio prima del rito della vestizione di cui, dapprincipio, si occupavano le sue cameriere personali, poi di tutto ciò diverrà responsabile la famosa Mademoiselle Rose Bertin, la prima stilista della storia, di cui QUI, tempo fa, ebbi già il piacere di narrarvi.

Tutto ciò non doveva durare più di mezz'ora poiché ad esso seguiva il rito della S.Messa cui quotidianamente la regina ed il suo consorte assistevano prima del pranzo ( ed anche in questo caso la regina era accompagnata dal suo seguito, tra cui primeggiava la Princesse de Lamballe, cui si univano i ministri di culto); alle 13,00 in punto veniva presentato a Sua Maestà, che nel frattempo, dopo la funzione, si era ritirata nelle sue stanze, il menù per il pranzo direttamente dalle mani del maître d’hôtel.
Il pranzo 'in pubblico' si teneva ogni domenica nel gabinetto dei nobili. In quel giorno, le signore titolate e che quindi godevano del privilegio di figurare tra le prescelte, sedevano su sedie pieghevoli  ai due lati del tavolo, mentre le dame senza titolo rimanevano in piedi. La regina pranzava da sola con il re: dietro la sedia del re si trovava il capitano della guardia ed il primo valletto, dietro la sedia della regina stava il suo valletto, il capo scudiero ed il suo maître d'hôtel. Il pasto aveva inizio quando il principe più vicino al re gli presentava una ciotola per lavarsi le mani e quando la principessa più vicina alla regina prestava il medesimo servizio.

Quello del pranzo era una sorta di frugale spuntino visto che la regina di solito pranzava con solo una piccola porzione di carne e non beveva mai vino.
Dopo il pasto la regina visitava l'appartamento del Delfino e poi tornava nei suoi appartamenti con le sue dame per dedicarsi alla corrispondenza o alla lettura ed è in questo momento della giornata che ella rimuoveva il suo ingombrante e costrittivo 'pannier' e la parte inferiore del suo abito, preferendo indossare un abito leggero, di cotone o mussola, per il resto della giornata.
Alle ore 15,00 si recava nuovamente in visita alla zia del re ed un'ora più tardi riceveva l'abate nei suoi appartamenti; alle ore 17,00 era prevista un'ora di lezione di musica ( Marie Antoinette suonava il clavicembalo) o di canto dopo la quale tornava a far vista alla zia del re oppure si dedicava a passeggiare in giardino.



- fotografia 14



Alle ore 19,00 cominciavano i preparativi per la serata, dal cambio di toilette per la regina all'allestimento di quelle attività che avrebbero seguito la cena, come l'assistere ad una rappresentazione teatrale o giocare alle carte.
La cena veniva servita alle ore 21,00 in punto e rappresentava per la regina un pasto un po' più sostanzioso rispetto al pranzo, poiché generalmente constava di una tazza di brodo, un'ala di pollo ed un bicchiere d'acqua in cui ella immergeva alcuni biscotti come dessert. Se il re non era presente, la cena doveva essere servita solamente da personale di servizio femminile.
Alle ore 23, 00 una procedura simile a quella che seguiva il risveglio veniva ripetuta prima che la regina si coricasse, anche se va detto che questa volta le offerte recate dalla guardarobiera nel suo cesto erano una camicia da notte, un berretto da notte e le calze per il mattino successivo; dopo che la regina si era abbigliata per la notte, tutto ciò che aveva indossato durante il giorno veniva portato nella stanza guardaroba per le riparazioni o le pulizie.

Vi svelo un segreto: per mantenere le proprie mani bellissime la regina si coricava spesso con guanti cerati.

Anche per il re era prevista una cerimonia molto simile prima del ritiro notturno: mentre la regina attendeva suo marito ed il suo seguito, la sua prima cameriera sedeva ai piedi del suo letto; giunto il re, tutti i servitori che lo avevano accompagnato se ne andavano condotti nelle proprie stanze dalla prima cameriera della regina, quindi costei tornava infine a chiudere la porta della stanza della regina prima di andarsene a dormire.



Ringraziandovi di cuore per l'affetto e l'interesse che sempre dimostrate per le mie pubblicazioni, 
vi invio un forte abbraccio augurandovi ogni bene.


A presto ðŸ’•







TUTTE LE IMMAGINI SENZA DIDASCALIA SONO STATE TRATTE DAL FILM MARIE ANTOINETTE di SOFIA COPPOLA, 2006.

FONTI BIBLIOGRAFICHE:

Marie-France Boyer, Francois Halard, The Private Realm of Marie Antoinette, Thames & Hudson, 1996;

Elisabeth De Feudeau, From Marie-Antoinette's Garden: An Eighteenth-Century Horticultural Album, Alain Baraton, 2013;

Hélène Delalex, A Day with Marie Antoinette (A Day at), Flammarion-Slp edition, 2015;

Hélène Delalex, Alexandre Maral, Nicolas Milavanovic, Marie-Antoinette, J. Paul Getty Museum, 2016;

Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876;

Maxime de La Rocheterie, The Life of Marie Antoinette, 1893.




CITAZIONI:

1Charles Duke Yonge, The Life of Marie Antoinette, Queen of France, 1876, pag 99.







LINKING WITH:


AWWW MONDAYS

TUESDAY WITH A TWIST


Dave's WORDLESS WEDNESDAY


THURSDAY FAVORITE THINGS
This blog post was featured by ANGELINA at PETITE HAUS and  BEV at ECLECTIC RED BARN  !!!
Thank you lovely ladies, I have no words which to thank you with ❤

VINTAGE CHARM PARTY